Felmay
Felmay
Archive Newsletter
 
 
Italian Versione   English Versione
 
 
Alberto N. A Turra  - The Taan trio Live at Easy Nuts Lab
Alberto N. A Turra
The Taan trio Live at Easy Nuts Lab

FY 7063
885016706326
Felmay Records

 
1 CD

Nuovo album di ALBERTO N.A. TURRA, qui alla guida di THE TAAN TRIO, con un live registrato in un’unica session lo scorso 23 dicembre al Easy Nuts Lab di Roberto Zanisi. L’album condensa il progetto musicale sviluppato nel lungo tour che nel corso di tutto il 2018 ha portato i tre musicisti (Alberto N.A.Turra, William Nicastro, Stefano Grasso) ad esibirsi nelle situazioni musicali più diverse in tutta la penisola, e negli Stati Uniti, con oltre cinquanta concerti.
Con questo nuovo lavoro TURRA riesce a dare testimonianza tangibile della profondità che l’indagine di questo trio ha raggiunto sui temi dell’improvvisazione, del sincretismo tra i linguaggi delle culture e le rispettive avanguardie; della contemporaneità delle stesse, dell’interplay e della ritualità. Tutte queste modalità rappresentano il cuore della riflessione e del fare musica di ALBERTO N.A. TURRA, sin dal disco Azimuth (Felmay 2015) per arrivare a It Is Preferable not to travel with a dead Man(Felmay2017) passando per Spiritsongs con Shanir Blumenkranz e Brian Marsella (Setola Di Maiale 2016).

Nello studio di registrazione e spazio artistico multidisciplinare di Roberto Zanisi, l’Easy Nuts Lab,Maurizio Nardini e lo stesso Zanisi si sono adoperati affinché le registrazioni live fossero del miglior livello possibile. Il risultato è questo disco che TURRA descrive come “il necessario tributo e ringraziamento al talento, alla cura e alla sensibilità che i due produttori hanno speso nel rileggere, prova dopo prova, concerto dopo concerto, una musica che mai avrei creduto si potesse scolpire e trasfigurare fino al punto di tale intensità”. In questo senso si possono rintracciare nell’ascolto echi di due pietre miliari del suonare in trio: il trio Frisell/Driscol/Baron e il disco Bright Size Life di Metheny/Pastorius/Moses, con l’aggiunta di un certo uso dell’elettronica, che unita alla trasversalità della scrittura e dell’improvvisazione, insieme a una massiccia dose di jazz-core-attitude, restituiscono un’esperienza sonora di forte impatto fisico ed emotivo e per questo, appunto, rituale.
Questo CD, come il precedente It is Preferable Not To Travel With A Dead Man (Felmay, Chant Records 2017), è stato realizzato in collaborazione con l’etichetta digitale newyorchese Chant Records, e preceduto da un tour nell’area di New York.

ALBERTO N.A. TURRA chitarrista, compositore e arrangiatore si muove sulla scena musicale italiana da oltre dieci anni. Da tempo alterna l'attività di chitarrista on stage con molti e diversificati progetti (Shanir Blumenkranz, Roy Paci - Corleone, Pierpaolo Capovilla, Giovanni Venosta, e Diego Mancino, solo per citarne alcuni) a quella di compositore per il cinema, per il teatro e per la danza contemporanea. Gli ultimi anni sono stati molto prolifici per TURRA, soprattutto per quanto riguarda la musica per immagini in movimento, sia essa a uso cinematografico, teatrale o di balletto. In particolare ricordiamo il docu-fiction di Francesco Fei Giovanni Segantini: ritorno alla natura, interpretato da Filippo Timi, e The Origins Of Music dei registi messicani Daniel Arvizu e Sam Madrigal.


After It is preferable not to travel with a dead man album released at the end of 2017, ALBERTO N.A. TURRA reaffirms the importance of the impro practice caught in the moment of its highest power of expression: the concert, here introduced by his own tour. The TAAN trio formed at the end of 2017 through Turra's will to test the strength of his own repertoire, until then only performed in a solo tour introducing his Filmworks album (Felmay, 2017), through the well-established practice of the guitar/bass/drums trio.
After the long It is preferable 2018 tour, that brought the TAAN Trio playing both in Italy and in the US, a lingering need overcame Turra to give tangible testimony to the depth that these three musicians had reached while exploring themes of improvisation, syncretism through languages, cultures and their own avantgardes, interplay and rituality. All these topics together are the very core of Turra's thought and routine from Azimut to It Is Preferable tnot travel with a dead man both from Felmay records, passing through Spiritsongs with Shanir Ezra Blumenkranz and Brian Marsella (Setola di Maiale, 2016).
The perfect occasion was the concert in the beautiful setting of the Easy Nuts Lab, recording studio and multidisciplinary artistic venue of Roberto Zanisi. Thanks to Maurizio Nardini and Roberto Zanisi himself, the conditions of a live recording were of the best possible level. The result is this album that Turra describes as "the essential tribute and thanks to talent, care and sensitivity that this two fiends, William and Stefano, spent reinterpreting, rehearsal after rehearsal, concert after concert, a music that I would never have believed could be sculpted and transfigured to such intensity.”

Thus when listening it's possible to hear echoes of two milestones of "trio playing" (if not even archetypes) Frisell/Driscol/Baron trio and the album Bright Size Life by Metheny/Pastorius/Moses, with an add of " aggravating factors" such as a certain use of live electronics, a versatile writing and improvisation and a massive dose of jazz-core. The result of these ingredients is a sound experience of both physical and emotional strong impact. Like a ritual.

ALBERTO N.A. TURRA, guitarist, composer and arranger, has been active in the Italian music scene for more than ten years. He has spent many years playing guitar onstage in a wide range of projects (Shanir Blumenkranz, Roy Paci-Corleone, Pierpaolo Capovilla, Mamud Band Giovanni Venosta, Diego Mancino, just to name a few), and composing for theater and contemporary dance.

The last few years have been very prolific for TURRA, especially with regard to motion picture music, such as the documentary by Francesco Fei Giovanni Segantini: Return to Nature, played by Filippo Timi, and The Origins Of Music by Mexican filmmakers Daniel Arvizu and Sam Madrigal. Felmay has developed an intense and ongoing relationship with Alberto TURRA, taking part in various projects (Mamud Band, Giovanni Venosta, TurboGolfer, Filmworks (Felmay 2017), an anthology of Turra’s significant original compositions commissioned for movie soundtracks.




Alberto N. A Turra dal Felmay Shop


 

1 - Darvish ( Turra)
02 - Trevor ( Turra)
03 - Toni Boselli ( Turra)
04 - Balcano ( Turra)
05 - Andrea Rainoldi . Turra)
06 - Wights Waits For Weights (Steve Coleman)
07 - Black Madonna (A. Turra)
08 - If You Want Me To Stay (Sly Stone)
09 - Cellule (Turra

 

Alberto N. A.Turra: chitarra elettrica , live electronics
William Nicastro: basso elettrico
Stefano Grasso: percussioni, live electronics

 
 
 
 

CABIT - Tre Re dall'Oriente / La Stella Cometa
from CD "Unico Figlio"
 
 
 
 
 
 
 
21 Marzo 2019 - h:21.30
Michel Balatti & Michael Bryan
Club il Giardino
Lugagnano di Sona (VR)




30 Marzo 2019 - h:21.00
Ester Formosa & Elva Lutza
Barnasants Festival
Barcellona - Spagna


 
 
Nome
E_mail
 
 
 
 
 
 
     
 
  © 2019 Felmay Srl - P.I. 06974300011 | Powered by: Riccardo Marino
Spese di spedizione